Carta di credito Postepay evolution: che cos’è e come funziona

carta di credito poste

Si chiama “Postepay evolution” ed è molto utile perché funziona come una normale carta di credito. Per poterne attivare una occorre pagare un costo di attivazione, che corrisponde anche al pagamento annuale. Non ci sono costi per prelievi e pagamenti, se vengono effettuati tramite Posteitaliane. Se si preleva tramite sportello di banche, allora ci può essere qualche piccola commissione.   

Le caratteristiche principali della Postepay evolution

Si chiama “evolution” perché è una Postepay leggermente più evoluta rispetto a quella chiamata “Standard”, dato che non è solo una prepagata, ma una vera e propria carta di credito. Fa parte infatti del circuito MasterCard e Visa, e questo le permette di essere utilizzata per pagamenti tramite qualsiasi POS oppure anche prelievi a qualsiasi sportello, sia bancario sia postale. La caratteristicha principale di questa carta è che è dotata di IBAN, ed è per questo che con essa si possono anche ricevere ed effettuare bonifici. In poche parole si possono svolgere tutte le operazioni che si fanno quando si possiede un conto corrente bancario, ma questo di fatto è assente. Non serve aprirne uno infatti per poter utilizzare una Postepay evolution.

Altri dettagli sulla Postepay evolution

È una carta di credito che non prevede commissioni durante i pagamenti presso i POS, ma giusto quando si preleva dagli sportelli bancari. Se invece si preleva tramite gli sportelli delle Posteitaliane, non sarà scalata alcuna somma. Per attivarla il costo è di 15 euro totali, che si devono versare ogni anno per mantenerla attiva. Ha una sua scadenza, al termine della quale è possibile effettuare un rinnovamento. Si tratta di una vera e propria carta di credito, e come tale, è anche molto comoda. Chi ha già avuto modo di attivarne una infatti, la usa comodamente sia per qualsiasi tipo di pagamento, sia per ricevere o svolgere bonifici, anche online. Può essere persino ricaricata tramite le tabaccherie.

DIVENTA IL PRIMO A COMMENTARE

lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*